Open Beach

open

Sulle spiagge oceaniche americane questo segnale è un po’ differente (vedi “Lo Squalo” di Steven Spielberg, anno 1975) e recita così: BEACH CLOSED. Gli sceriffi lo usano principalmente per chiudere le vie d’accesso alla spiaggia quando uno squalo azzanna un surfista e loro devono fare i rilievi di ciò che ne rimane. Ma qui sull’adriatic east coast la storia è un po’ diversa, non abbiamo squali (quelli pericolosi sono in giacca e cravatta qui) e la necessità è quella di ricordare ai villici che la spiaggia è aperta, anche d’inverno ed è bellissima, chiedetelo ai Surfisti nostrani!

Poco importa se le tavole da surf sono più corte, non importa se le onde adriatiche non potranno mai paragonarsi a quelle delle beach di un mercoledì da leoni (Big Wednesday, 1978) e non importa neppure che le macchine dei nostri local good old boys of surf siano lunghe come il cofano di una cadillac eldorado. Importa esserci: anche a bordo di una piccola suzuki SJ classe ‘82 riverniciata di nero, con pochi e fondamentali adesivi e con un fondo che ha perso da un pezzo la sua battaglia con la ruggine e la salsedine. La stabilità di un mezzo del genere non è certo nelle sue sospensioni, ma nella sua affidabilità, nel feeling emozionale come capita con un buon vecchio spinone da caccia, per dire. L’importante è esserci dicevamo, perché il surf è come l’amicizia: o ce l’hai o non ce l’hai e se non surfi, non ti preoccupare: il surf è uno spettacolo anche per chi guarda e allora occhio OPEN BEACH, la spiaggia è aperta, vi aspettiamo.

Join the conversation

TOP
Seguici

SHOPPING BAG 0

Wishlist

Login

Password Recovery

Lost your password? Please enter your username or email address. You will receive a link to create a new password via email.